online website builder

Il Mistero dei Templari 

Il Mistero dei Templari
I Cavalieri del tempio affascinano e suscitano in molti passione e desiderio di approfondimento: dall’arte militare alla finanza, dall’alimentazione all’arte finanche all’esoterismo. Ciò che a me ha sempre destato un interesse enorme e desiderio di approfondimento è il così detto “mistero templare”.
Molti ordini cavallereschi nacquero e morirono nel medioevo. Quello dei Templari fu forse quello meno longevo calcolando il tempo tra la nascita dell’Ordine e la sua soppressione fino al tragico epilogo della morte sul rogo dell’ultimo Gran Maestro Jaques De Molay. Tuttavia ha lasciato rispetto ad altri una importante traccia nel tempo in termini di fascino nell’immaginario dell’uomo.e di memoria nella cultura storica.
Forse furono proprio le ragioni per cui fu soppresso l’Ordine, accusato fra le altre indicibile cose di Eresia e di essere una setta adoratrice di divinità diaboliche, che ha innescato la curiosità e il mistero attorno ai Cavalieri del Tempio.
Fra le varie teorie sulle motivazioni della fine dell’ordine una delle piu credibili a mio parere afferma che per la Chiesa di Roma non sia solo stato un escamotage per appoggiare il re di Francia Filippo IV detto il Bello, indebitatosi con gli ormai facoltosi Templari. Vi sono anche altri motivi che spinsero il Papato a collaborare nell’annientamento di un Ordine che aveva votato obbedienza alla chiesa. Forse l’ordine nascondeva delle conoscenze, acquisite per caso o cercate, che rivelate avrebbero minato il potere spirituale e temporale della Chiesa Cristiana?
Sicuramente non ci sono certezze alcune su quale sia la verità, ma il dubbio è ciò che guida sempre la ricerca di un libero e pensatore che cerca di avvicinarsi alla verità e con questo umile quanto attento e insaziabile atteggiamento di curiosità, è possibile valutare ogni strada, anche di quelle che escono dagli insegnamenti della storia accademica e coraggiosamente di discostano da quello che è sempre stato detto su certi argomenti considerati certi, assodati, praticamente dei dogmi, per tentare di riportare alla luce delle verità scomode ai poteri forti come quello della Clero di Roma che oggi come allora risulta essere uno dei maggiori elementi di peso dal punto di vista culturale, sociale, politico ed economico del mondo intero.
Nomatisi “I Poveri Cavalieri di Cristo”( prima che la leggenda li definisse Templari), un piccolo gruppo di 9 cavalieri capeggiati dal nobile Ugo de Payns, originario dello Champagne, parti dall’Europa per il Medio Oriente per prendere oarte alla rima crociata. Arrivati in terra santa si insediarono stabilmente e fin dall’inizio, ricoprirono mansioni militari di protezione dei pellegrini che si recavano a visitare il Sacro Sepolcro.
Di li a pochi anni dopo il loro insediamento, durante “il concilio di Troyes”, vennero riconosciuti ufficialmente dalla Chiesa come Ordine religioso Monastico Combattente e giurano fedeltà al Papa.
Essendo l’uso delle armi proibito e incompatibile per coloro che professano la fede in cristo e tanto più col l’essere monaco,. ricevono una dispensa particolare per l’uso delle armi.
La composizione di questo ordine fu sicuramente molto variegato.
Si unirono infatti a questo esercito monastico personaggi di varia estrazione sociale. Dai nobili falliti ai reietti della società; dai secondi geniti dei casati Nobili che non potendo ereditare titolo, averi e potere, si realizzavano prendendo un ruolo nell’ordine, fino ad arrivare a “avanzi di galera” che non avendo possibilità di riscatto sociale, davano cosi un senso alla loro esistenza.
La struttura che si dettero fu come in un ordine militare. Esisteva una forte gerarchia. alla base i più umili scudieri e gregari che svolgevano mansioni di supporto, poi i sergenti, e ancora i cavalieri, comandanti fieri e abili combattenti.
Inoltre esisteva una classe direzionale che non si recava in prima linea per le battaglie, ma si occupava dell’organizzazione strutturale ecomonimica e logistica: peculiarità che indirizzò l’Ordine Templare ad occuparsi sempre più di ad altre attività oltre a quella guerriera, come quella del commercio e l’imprenditoria.
L’Ordine del Tempio negli anni si distinse per la sorprendente mediazione e fusione culturale basata su un estrema tolleranza per il “diverso” e apertura ad altre civiltà con cui entrarono in contatto. Inoltre lo stessso fecero nel mondo delle attività commerciali che svilupparono in Medio Oriente per poi tessere trame che li videro protagonisti in Francia e in tutta Europa, fino a renderli precursori di sistemi bancari moderni.
Oltre ai quadri ufficiali si dice che esistesse anche una cupola segreta di pochi eletti che si dedicò anche ad attività di ricerca e di studio e allo sviluppo ed approfondimento di argomenti di conoscenza non meglio definiti che costituiranno poi elemento di fascino e mistero.
Ricordiamo che durante l’interrogatorio Jacques de Molay ebbe a dire “Io sono solo un povero cavaliere illetterato” e poi Geoffroy de Gonnoville “Sono illetterato e quindi incapace di difendere l’Ordine”. Jean Marquès-Rivière scriveva “ … esisteva in seno ai Templari un gruppo che perseguiva scopi segreti di potenza, sostenuti da un esoterismo rigoroso”: Robert Ambelain fu della stessa opinione e lo storico Wilke, chiamerà tale cupola segreta "Tempio Nero".
Alcuni studiosi chiamano questo gruppo di eletti "Priorato di Sion" ritenendo che esista ancora oggi con lo scopo, tra li altri, di restaurare la dinastia merovingia. Ma la verità è difficilmente scindibile dal mito.
Sembra che nei primi 9 anni di presenza in Terra Santa, si siano dedicati soprattutto a scavi nella Moschea di Al-Aqsa che fu affidata loro da Re Baldovino II° (fratello di Goffredo di Buglione) allora amministratore di Gerusalemme.
La moschea, precedentemente occupata dal re, sorgeva sul lato meridionale di quello che era stato prima il Tempio di Re Salomone (conosciuto come il nobile recinto Haramesh-Sharif), situato sul Monte Moriah.
Dal luogo dell’occupazione del sito l’ordine religioso, molto tempo, sarà identificato come l’ordine dei Cavalieri del Tempio di Gerusalemme e quindi cavalieri del Tempio e\o Templari.  

ADDRESS
Montevarchi  Valdarno  
Toscana,Italia